Autoproduzione, Dolci - dolcetti, Festività - Pasqua, Intolleranze alimentari - senza lattosio e derivati, Ricette Regionali - Puglia

Taralli glassati pugliesi

Taralli glassati pugliesi, la ricetta con il gileppo

Taralli glassati pugliesi; la ricetta per preparare in casa il tipico dolce pasquale pugliese.

Questi taralli glassati con il gileppo, scileppu in mesagnese ma è noto anche come giulebbe, sono preparati per la Pasqua e sono fatti con un impasto a base di uova e olio extra vergine d’oliva.

Taralli glassati pugliesi

La glassa invece è a base di zucchero, ed è sempre una preparazione culinaria tipica della mia terra.
Vi lascio oggi una ricetta della mia infanzia, nel perioro pasquale infatti questi bei taralli bianchi si vedevano in esposizione nei forni, e io ne ero sempre entusiasta perchè mi piacevano tantissimo!

Ringrazio la mia cara amica Lucia per essersi prodigata nella ricerca della vera ricetta del gileppo, senza di lei sarei stata persa!

Ingredienti:

per i taralli
500 gr di farina 00
4 uova medie
100 gr di olio evo
20 ml di liquore strega
1/2 cucchiaino scarso di bicarbonato

per il gileppo
1 Kg di zucchero
300 gr di acqua

Tempo: preparazione 40′ circa – cottura 30′ circa + glassatura

Difficoltà: bassa

Procedimento per fare i taralli glassati pugliesi:

  • Mescolare in una ciotola la farina e il bicarbonato setacciato,
  • aggiungere quindi le uova e metà olio e amalgamare,
  • trasferire il composto sulla spianatoia

  • e iniziare ad impastare,
  • porre il restante olio sulla spianatoia e farlo assorbire all’impasto
  • e incorporare infine anche la Strega
  • impastare energicamente ancora un po’, quindi
  • far rotolare dei pezzi d’impasto sulla spianatoia creando dei cilindri,
  • chiuderli facendo aderire le estremità e andando così a formare i taralli
  • lessare due taralli alla volta in acqua bollente e, quando affioreranno in superficie,
  • toglierli con una schiumarola e adagiarli su un canovaccio pulito e NON lavato con ammorbidente
  • inciderli con un coltello lungo la loro circonferenza,
  • metterli su una teglia rivestita con carta forno e
  • cuocerli in forno caldo a 220° per dieci minuti e
  • poi a 160° altri dieci/venti minuti
  • a cottura ultimata sfornare e far raffreddare su una gratella
  • quando i taralli saranno freddi preparare il gileppo,
  • mettere quindi lo zucchero e l’acqua in una pentola,
  • portare a bollore e
  • per vedere se è pronto si dovrà porre una goccia di sciroppo fra i polpastrelli del pollice e dell’indice, se questo filerà chiudendo e riaprendo queste due dita, allora il composto sarà pronto, altrimenti si dovrà continuare la bollitura e riprovare dopo un po’
  • togliere quindi la pentola dal fornello e
  • lavorare il tutto con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto biancastro,
  • riporlo sul fuoco e riscaldarlo a bagnomaria
  • quindi con l’ausilio di una pinza, o due cucchiai, immergervi al suo interno un tarallo alla volta e ricoprirlo del tutto
  • porlo su una gratella ,
  • quindi attendere che la glassa si solidifichi.
  • Una volta pronti, i taralli di Pasqua pugliesi potranno essere riposti in scatole di latta e dovranno essere consumati entro pochi giorni.
Taralli glassati pugliesi

Se ti è piaciuta questa ricetta condividila e seguimi sui social

Taralli glassati pugliesi

Leggi anche altre ricette di Pasqua:
agnello al forno con patate
puddhriche salentine
pizza di pecorino

La video ricetta:

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzare il contenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le seguenti regole GDPR devono essere lette e accettate:
Questo modulo raccoglie il tuo nome, email e contenuto in modo che possiamo tenere traccia dei commenti inseriti sul sito web. Per maggiori informazioni, consulta la nostra politica sulla privacy dove riceverai maggiori informazioni su dove, come e perché memorizziamo i tuoi dati. PRIVACY POLICY