Autoproduzione, Pane, Ricette Regionali - Puglia

Tarallini

Tarallini pugliesi, la ricetta per fare in casa i taralli scaldati

Tarallini; ecco la ricetta per preparare in casa i saporiti tarallini pugliesi preparati con farina, olio extra vergine d’oliva e vino bianco.

I taralli pugliesi sono un prodotto da forno che è in vendita tutto l’anno. Vengono consumati a merenda, alla ricreazione a scuola e sono presenti anche fra le vivande di un aperitivo.

Tarallini

Preciso che i taralli si fanno senza lievito quindi, tutte le ricette che vengono preparate con l’esubero di pasta madre sono assolutamente fasulle!

Tarallini

Friabili e gustosissimi, i tarallini fatti in casa possono essere anche aromatizzati con spezie ed erbette aromatiche secche come ad esempio origano, curcuma e paprika. I miei preferiti in assoluto sono i tarallini al finocchio, che sono impastati, appunto, con i semi di finocchio.

Ingredienti:

500 gr di farina 00
125 gr di olio evo
100 gr di vino bianco
10 gr di sale
semi di finocchio q.b.
paprika dolce q.b.
acqua q.b.

Tempo: preparazione 20′ circa – tempo di asciugatura 12h – cottura 30′ circa

Difficoltà: medio/bassa

Procedimento per fare i tarallini:

  • Mettere la farina e il sale in una ciotola,
  • versare l’olio e il vino
  • quindi iniziare ad impastare e, quando la farina avrà assorbito i liquidi,
  • trasferire il composto su una spianatoia e iniziare ad impastare
  • aggiungere un po’ di acqua tipieda alla volta, quel tanto che basta per aiutarci a compattare il tutto
  • e lavorare nel frattempo energicamente fino ad ottenere un impasto liscio e non appiccicoso
  • prendere quindi dei piccoli pezzi d’impasto e farli roteare sul piano di lavoro
  • fino a formare dei piccoli cilindri stretti e lunghi,
  • unire quindi le estremità andando così a formare i tarallini

  • per aromatizzare aggiungere a delle piccole porzioni d’impasto le spezie o le erbe aromatiche,
  • impastare energicamente e
  • procedere con la stessa metodologia per formare i tarallini
  • lessare pochi taralli alla volta in acqua bollente salata e
  • quando affioreranno in superficie estrarli dall’acqua e
  • metterli ad asciugare su un canovaccio NON lavato con ammorbidente
  • quando i tarallini saranno asciutti, quindi toccandoli saranno secchi e non saranno più biancastri,
  • capovolgerli e far asciugare ancora
  • quindi metterli in una teglia foderata con carta forno e
  • cuocere in forno caldo a 200° per circa mezz’ora o comunqe fino a doratura.
  • A cottura ultimata sfornare e far raffreddare su una gratella.
  • Una volta freddi i tarallini potranno essere conservati in appositi barattoli alimentari per diversi giorni.
Tarallini

Se ti è piaciuta questa ricetta condividila e seguimi sui social

Tarallini

Leggi anche altre ricette pugliesi:
pasticciotto leccese
frise salentine
puccia salentina con le olive fatta in casa

La video ricetta:

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzare il contenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le seguenti regole GDPR devono essere lette e accettate:
Questo modulo raccoglie il tuo nome, email e contenuto in modo che possiamo tenere traccia dei commenti inseriti sul sito web. Per maggiori informazioni, consulta la nostra politica sulla privacy dove riceverai maggiori informazioni su dove, come e perché memorizziamo i tuoi dati. PRIVACY POLICY