Dolci - torte, Festività - festa della donna

Torta mimosa

Il dolce simbolo della festa della donna è sicuramente la torta mimosa.
Il nome di questa torta farcita con crema diplomatica è dato dal suo aspetto che ricorda infatti il fiore della mimosa.
La ricetta che vi consiglio oggi ha di originale la sua preparazione, ho pensato infatti di riprodurre una torta mimosa in formato miniatura perché spesso le torte avanzano per giorni in frigorifero e si è quindi costretti a consumarle forzatamente.
Se quindi volete deliziarvi con questo dolce evitando di mangiarlo per giorni seguite il mio tutorial e otterrete una perfetta torta mimosa in miniatura.
Di seguito troverete comunque le informazioni necessarie per ricreare una torta mimosa di media grandezza, gli ingredienti li troverete fra le parentesi tonde.

Ingredienti:
dosi consigliate per uno stampo per torte da 20 cm

per il pan di spagna
2 uova a temperatura ambiente (4 uova a temperatura ambiente)
60 gr di farina 00 (120 gr di farina 00)
60 gr di zucchero (120 gr di zucchero)

per la farcia
2 tuorli (7 tuorli)
10 gr di maizena (40 gr di maizena)
32 gr di zucchero (125 gr di zucchero)
100 ml di latte (500 ml di latte)
30 ml di panna da montare (150 ml di panna da montare)
1/2 bacca di vaniglia (1 bacca di vaniglia)

per la bagna
acqua e zucchero

Difficoltà: medio/bassa

Procedimento:
Imburrare e infarinare lo stampo per la torta (se il vostro stampo ha i bordi bassi vi consiglio di imburrare la tortiera e di coprirla con della carta forno alzando così i bordi) 1

setacciare la farina2

e mettere le uova in una ciotola capiente, iniziare a montarle e aggiungere lo zucchero3

quindi montare le uova e lo zucchero per venti minuti se si utilizza uno sbattitore elettrico o per dieci minuti se si ha a disposizione una planetaria
4

5

6

Aggiungere al lato della ciotola contenente le uova montate un po’ di farina 7

e con una frusta a mano o un cucchiaio di legno (io vi consiglierei la prima) incorporare delicatamente la farina al composto facendo dei movimenti che vadano dal basso verso l’alto in senso circolare, si raccomanda di aggiungere la farina poco per volta per non smontare il composto8

9

10

11

12

13

14

quando si sarà incorporata tutta la farina, l’impasto risulterà omogeneo e ben sodo e cadrà dalla frusta senza spezzarsi, quindi “scriverà”15

trasferire delicatamente l’impasto nella tortiera 16

Infornare in forno caldo a 180° e cuocere però a 160° per circa quaranta minuti.
Quando il pan di spagna inizierà a staccarsi dalle pareti della tortiera dovrebbe essere cotto, si consiglia comunque, passata la prima mezz’ora di cottura per non rovinare irrimediabilmente la lievitazione, di infilzarlo con uno stecchino, se estraendolo questo sarà asciutto il pan di spagna sarà cotto, in caso contrario la cottura dovrà essere proseguita.
A cottura ultimata sfornare, sformare subito e lasciar raffreddare su un gratella
2

(questo è invece il mio pan di spagna fatto con quattro uova)
pan di spagna

preparare ora la farcia, dosare quindi il latte e metterlo in pentolino, con un coltello a lama liscia incidere la bacca di vaniglia lungo la sua lunghezza ed è estrarre i suoi semini e aggiungerli, insieme alla bacca, al latte
a11065200_10206055739382088_1596251256_o

metterlo sul fuoco e portare a bollore, quindi spegnere il fornello e lasciare in infusione per quindici minuti.
Nel frattempo sgusciare le uova e dividere i tuorli dagli albumi, mettere i tuorli in una pentola dal fondo spesso e lavorarli con una frusta a mano, quindi aggiungere lo zucchero
1

montare e aggiungere infine l’amido
2

e incorporare anche queste con la frusta.
Trascorso il tempo d’infusione togliere la bacca e filtrare il latte, quindi versare un po’ alla volta il latte amalgamandolo al composto3

Cuocere a fuoco basso e mescolando di continuo portare la crema alla densità desiderata.
A cottura ultimata coprire la crema con della pellicola alimentare per non far formare la patina in superficie durante il raffreddamento.4 5

quando la crema sarà fredda montare a neve la panna10

11

e con dei movimenti circolari dal basso verso l’alto amalgamarla alla crema
12

13

comporre la torta mimosa
Con un coppapasta o un bicchiere sagomare tre cerchi sul pan di spagna
3

seguendo il perimetro del coppapasta tagliare il pan di spagna ottenendo tre cerchi4

5

con il coltello scavare uno dei cerchi senza però intaccare il fondo, mentre un secondo svuotarlo completamente6

7

l’ultimo rimasto invece si dovrà smussare leggermente in modo da avere un effetto leggermente stondato9

scaldare un bicchiere d’acqua e sciogliere all’interno due cucchiai di zucchero, porre sul vassoio dove si dovrà servire la torta il pezzo scavato internamente, bagnarlo con l’acqua e zucchero e farcirlo con la crema14

15

sovrapporlo con il pezzo cavo, bagnarlo e farcire anch’esso16

17

18

chiudere con la calotta superiore, bagnarla e guarnire tutta la superficie della torta con la crema rimasta
19

20

sbriciolare il pan si spagna avanzato e quello tolto scavandolo 22

e farlo aderire su tutta il perimetro della torta24

25

(Se avete seguito la ricetta con quatto uova dovrete ora tagliare la calotta superiore della torta e con un coltello svuotare molto delicatamente l’interno, tenere da parte il pan di spagna estratto, bagnare la torta con la bagna e farcire internamente con la crema preparata, chiudere quindi con la calotta, ricoprire con la crema e il pan si spagna sbriciolato)

Potrete guarnire la torta avvolgendo un rametto di mimosa nella pellicola alimentare prima di infilzarlo nella to
potrete servire la torta mimosa subito o conservarla in frigorifero fino al momento di servirla.
Se la ricetta della torta mimosa ti è piaciuta condividila e seguimi sui socialtorta mimosa

2 thoughts on “Torta mimosa

  1. Fantastica! Come tutto quello che fai, peccato il mio fioretto ancora incomba! Un abbraccio Marta

    PS: un augurio per la nostra festa!!Tenacia e determinazione non ti mancano e sono accompagnate da gentilezza ed educazione, sei un bell’esempio per tutte le giovani donne!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *