Antipasti, Festività - Natale, Piccola rosticceria, Ricette Salentine

Pettole

Sulle tavole di noi Salentini nei giorni di festa le pettole non mancano mai e la vigilia di Natale sono sempre presenti fra gli antipasti.
Le pettole sono delle pallette di pasta lievita fritta che in cottura si gonfiano e diventano croccanti, solitamente sono servite appunto fra gli antipasti e possono essere semplici o possono essere anche arricchite da altri ingredienti.
Ogni famiglia ha la propria ricetta e spesso anche il nome varia da paese in paese, nelle mia Mesagne ad esempio prendono il nome di “pettuli” per i Leccesi invece sono le “pittule”.
Nella mia famiglia le pettole non mancavano mai, mi ricordo ancora mia nonna Margherita che ne friggeva sempre una grande quantità per tutta la figlia  e le preparava semplici o ad esempio con il cavolfiore.
Le pettole di questo tutorial sono le prime della mia vita e sentire il loro profumo invadere la mia cucina mi ha riportato indietro di tantissimi anni.
Preparare le pettole è davvero semplice, comunque cercherò come sempre di essere dettagliata in ogni passaggio e vi esorto a prepararle in queste festività perché la loro bontà è davvero infinita.

Ingredienti:
500 gr di farina 00
10 gr di lievito di birra
10 gr di sale fino
acqua q.b.
cavolfiore lesso q.b. (opzionale)
alici sott’olio q.b. (opzionale)

Tempo: preparazione 10″ circa – tempo di lievitazione 6 h – cottura 15″ circa
Difficoltà: bassa

Procedimento:
Mettere la farina e il sale in una grande ciotola e mescolarli
1

e sciogliere il lievito in un po’ d’acqua2

versare l’acqua con il lievito nella ciotola contenente la farina e iniziare ad impastare ed aggiungere un po’ d’acqua alla volta3

4

fino ad ottenere un impasto semi liquido e filamentoso.
Man mano che si aggiunge l’acqua si dovrà impastare energicamente quasi schiaffeggiando l’impasto, in questo modo si incorporerà dell’aria e quindi nel composto compariranno delle bollicine6

7

Come avrete notato dalle foto ho dovuto cambiar la ciotola, l’impasto infatti crescerà tantissimo quindi vi consiglio di utilizzare una delle ciotole più grandi che avete a disposizione.

Nel frattempo scolare il cavolfiore e amalgamarlo con delle alici sott’olio10

11

12

Trascorse le ore di lievitazione si dovranno friggere le pettole in olio bollente prendendo l’impasto con un cucchiaio e versandolo nell’olio bollente 13

14

A doratura toglierle dall’olio e porle su carta da cucina per far assorbire eventuale olio in eccesso15

16

17

dopo aver fritto qualche pettola semplice si potrà amalgamare all’impasto il cavolfiore con le alici18

19

e friggere il tutto a cucchiaiate in olio bollente20

per poi porlo sempre su carta da cucina21

è importante tenere l’olio sempre ben caldo perché altrimenti le pettole non si gonfieranno e assorbiranno l’olio di cottura

Servire le pettole ben calde (anche se il giorno dopo sono buone lo stesso)pettole

Se la ricetta delle pettole ti è piaciuta condividila e seguimi sui socialpettole

Rispondi